Stress e insonnia
28 Agosto 2020
Disturbo post traumatico da stress
12 Settembre 2020
Mostra tutto

Attacchi di panico

Oggi vi parleremo di attacchi di panico! Cosa sono, perché vengono, come si contrastano e quali sono i migliori metodi per contrastarli. Questi episodi sono quanto di più terrificante una persona possa sperimentare nella vita. La paura di morire, impazzire, perdere il controllo, che sorgono in concomitanza di un attacco di panico sono improvvise e irrefrenabili.

Attacchi di panico, ne parliamo con Play Mind

Play Mind è un centro di servizi psicologici e di benessere alla persona. A dirigere questo gruppo di specialisti c’è il Dott. Paolo Di Marco: laureato in Psicologia Clinica di Comunità, Master in Counseling e Coaching, Specializzazione in Psicoterapia Analitica Transazionale, Master in Gestalt Bodywork, psicoterapeuta EMDR Practitioner accreditato. Coordinati dal dottor Di Marco gli psicoterapeuti di Play Mind si pongono come obiettivo quello di “attivare la mente di chi soffre di un disagio psichico o di un malessere esistenziale”. L’obiettivo è quello di offrire alle persone uno stimolo capace di riattivare la propria vita e rimettersi in gioco con modalità nuove, fuori dal proprio copione abituale, per riattivare la propria vita.

Che cos’è un attacco di panico?

Un attacco di panico consiste nella comparsa di un episodio differenziato di paura o angoscia che si evolve in meno di 10 minuti e in cui 4 o più dei seguenti sintomi compaiono bruscamente:

  1. Palpitazioni, tremore del cuore o aumento della frequenza cardiaca.
  2. Sudorazione.
  3. Tremori o tremori.
  4. Sensazione di soffocamento o mancanza di respiro.
  5. Sensazione di soffocamento.
  6. Rigidità o fastidio al petto.
  7. Nausea o fastidio addominale.
  8. Instabilità, vertigini o svenimento.
  9. Derealizzazione (sentimento di irrealtà) o depersonalizzazione (sentimento separato da sé stessi).
  10. Paura di perdere il controllo o impazzire.
  11. Paura di morire.
  12. Parestesia (intorpidimento o formicolio) alle estremità o intorno alla bocca.
  13. Brividi o vampate di calore.

Questi sintomi di solito scompaiono dopo circa un’ora.

4 miti comuni di attacco di panico

  1.     Gli attacchi porteranno a svenimenti: lo svenimento è causato da un improvviso e significativo calo della pressione sanguigna. Quando sei ansioso, la tua pressione sanguigna aumenta. Quindi, è estremamente improbabile svenire quando si ha un attacco di panico.
  2.       Gli attacchi mi faranno perdere il controllo: anche se può sembrare che la situazione sia fuori controllo, non è così! Differentemente non si spiega perché, in prossimità dell’attacco di panico, le persone chiedano di fare una pausa e uscire dall’aula oppure di avviarsi verso l’uscita del cinema. Questi atteggiamenti dimostrano che dimostrare di le persone hanno il controllo durante un attacco di panico.
  3.       Gli attacchi mi faranno impazzire: queste situazioni non fanno impazzire le persone. Nessuno è mai impazzito per aver subito un attacco di panico, senza alcuna eccezione!
  4.       Gli attacchi sono un infarto sotto mentite spoglie: per quanto possano apparire e sembrare pericolosi, non inducono un infarto. Il dolore toracico che si verifica durante un attacco di panico è il risultato della tensione muscolare (che fa parte della risposta “lotta-volo-congelamento”). Inoltre la sensazione di non avere abbastanza aria, è dovuta ad una respirazione superficiale. L’aria che stai respirando è sufficiente per vivere!

Cose importanti da sapere sugli attacchi di panico!

  • Un attacco di panico non durerà a lungo e finirà! La maggior parte degli attacchi, durano circa 2-10 minuti al massimo e poi passeranno.
  • Non sono fisicamente dannosi, anche se sono molto spaventosi.
  • Un attacco di panico è il modo in cui il corpo fa la cosa giusta al momento sbagliato. Va inteso come un falso allarme. A tal proposito citiamo il sistema delle 3 F. Fight-Flight-Freeze è il sistema automatico incorporato del corpo, progettato per proteggerci da minacce o pericoli. Abbiamo bisogno che il nostro corpo lo faccia per proteggerci dai pericoli o per avvisarci di cose importanti. Sfortunatamente, non è pericoloso essere seduti in una riunione di lavoro, quindi avere il nostro sistema F3 in marcia non è utile!
  • Un attacco di panico è un elenco di sintomi, proprio come un mal di testa è un elenco di sintomi. Questi sintomi NON sono pericolosi, sono però fastidiosi e spiacevoli.

Psicoterapia per l’attacco di panico, criteri di classificazione

Criteri diagnostici per l’attacco di panico sono stati proposti in base alle circostanze in cui compaiono e alla modalità di insorgenza:

  • Crisi spontanee o impreviste. Appaiono senza essere associate ad attività particolari. Sono ciò che definirà l’esistenza di un disturbo di panico (o disturbo di panico).
  • Crisi innescate da determinate situazioni. Invariabilmente compaiono immediatamente dopo l’esposizione o l’anticipazione di uno stimolo o innesco ambientale. Sono caratteristici dei disturbi fobici. L’inizio di queste crisi è di solito progressivo a seconda dell’approssimazione e / o premonizione dello stimolo fobico. Si arrendono rapidamente o non compaiono quando i comportamenti di evitamento hanno successo.
  • Crisi predisposte da situazioni. Appaiono durante l’esposizione a un innesco ambientale, sebbene non siano sempre associati a questa situazione, né compaiono immediatamente dopo aver affrontato. Queste crisi sarebbero caratteristiche dell’agorafobia.

Come viene diagnosticata

La diagnosi del disturbo di panico comporta la persistenza per almeno un mese con la paura della possibilità di un attacco di panico o di cambiamenti comportamentali di conseguenza, secondo i seguenti criteri:

  • I punti 1 e 2 sono soddisfatti:
  1. Attacchi inattesi ricorrenti.
  2. Almeno uno degli episodi è stato seguito per 1 mese (o più) da uno (o più) dei seguenti sintomi:
    1. Irrequietezza persistente alla possibilità di avere più crisi.
    2. Preoccupazione per le implicazioni della crisi o le sue conseguenze (ad esempio perdere il controllo, avere un infarto, “impazzire”).
    3. Significativo cambiamento nel comportamento legato alla crisi.
    4. Gli attacchi non sono dovuti agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (droghe, droghe) o di una malattia medica (ipertiroidismo).
    5. Gli attacchi non possono essere meglio spiegati dalla presenza di un altro disturbo mentale, come la fobia sociale (appare quando esposto a situazioni sociali temute), la fobia specifica (appare quando esposto a specifiche situazioni fobiche), il disturbo ossessivo-compulsivo (ad esempio esponendosi alla sporcizia quando la tua ossessione riguarda l’inquinamento), il disturbo da stress post-traumatico (in risposta a stimoli associati a situazioni altamente stressanti) o il disturbo d’ansia da separazione (essere lontano da casa o dai propri cari ).

L’attacco di panico o il disturbo di panico possono verificarsi con o senza agorafobia. I criteri dell’agorafobia si riferiscono a:

  1. Aspetto dell’ansia acquisita e irrazionale quando ci si trova in luoghi o situazioni in cui può essere difficile (o imbarazzante) fuggire o dove l’aiuto potrebbe non essere disponibile in caso di attacco di panico o situazione di pericolo imprevisto. Le paure agorafobiche sono spesso legate a una serie di situazioni caratteristiche, tra cui stare da soli fuori casa, mescolarsi con le persone o fare la fila, andare oltre un ponte o viaggiare in autobus, treno o auto. La diagnosi di fobia specifica dovrebbe essere presa in considerazione se il comportamento di elusione è limitato a una o poche situazioni specifiche, o fobia sociale se è correlata solo a eventi di natura sociale.
  2. Queste situazioni sono evitate (ad esempio, il numero di viaggi è limitato) a scapito di un notevole disagio o ansia per paura di una crisi di sofferenza o sintomi simili all’angoscia o la presenza di un conoscente diventa indispensabile per sopportarli.
  3. Questo comportamento di ansia o di evitamento non può essere meglio spiegato dalla presenza di un altro disturbo mentale come la fobia sociale (elusione limitata a situazioni sociali per paura di arrossire), fobia specifica (elusione limitata a situazioni isolate come ascensori), disturbo ossessivo-compulsivo ( per esempio evitare qualsiasi cosa possa sporcarsi in un individuo con idee ossessive di contaminazione), disturbo post-traumatico da stress (evitare stimoli legati a una situazione altamente stressante o traumatica) o disturbo d’ansia da separazione (evitare di uscire di casa o famiglia).

Qualsiasi diagnosi di ansia deve aver precedentemente escluso alcune malattie che possono essere estremamente nervose in alcune situazioni.

Psicoterapia efficace e trattamenti.

Attacchi di panico

L’obiettivo del trattamento è ridurre il numero di attacchi di cuore e la loro intensità. Gli interventi psicologici sono spesso usati per il trattamento del disturbo di panico.

Terapia integrata per attacchi di panico!

La terapia integrata coniuga le tecniche cognitivo comportamentali con gli aspetti psicoemotivi interiori e si concentra sullo schema costruttivo in cui i processi comportamentali e di pensiero controllano lo stato d’ansia e di panico. Il focus del trattamento è sull’individuazione degli schemi inadeguati, ostruttivi e dannosi e su processi di pensiero irrazionali che contribuiscono alla continuazione dei sintomi. Ad esempio, la preoccupazione (pensieri) incontrollata di ciò che può o non può accadere se si ha un attacco di panico può portare ad evitare determinate situazioni (comportamento). Le ricerche hanno dimostrato che questo approccio è efficace per alleviare molti dei sintomi di panico e ansia. Se si utilizza questo approccio, bisogna aspettarsi di lavorare su cambiamenti di pensieri e comportamenti per risultati rapidi in una maggiore capacità di controllare i sintomi.

Conclusioni

Se sei interessato alla psicoterapia per attacchi di panico, ci sono anche altre opzioni tra cui scegliere. Play Mind può essere il tuo partner ideale! Speriamo di avervi offerto alcuni buoni spunti. Se avete dubbi o domande da porci, non esitare e chiamaci o inoltra una mail con le vostre richieste.

Il compito di uno psicoterapeuta è quello di ascoltare, senza giudizio e con l’obiettivo di superare le difficoltà psicologiche, siano esse più o meno gravi ed invalidanti.

Lavorare con uno psicologo, individualmente o in un ambiente di gruppo, può aiutare a appianare le rughe che possono formarsi anche nelle relazioni più forti.

Studi:  Viale Serra, 6 Milano (MI)Via cava Madonnina, 5 Nova Milanese (MB)

Contatti: 338.2373206347.7815910

Telefono
Whatsapp
Email