La sindrome ITSO che cos’è e a chi rivolgersi
21 Novembre 2020
Elaborazione del lutto improvviso
10 Dicembre 2020
Mostra tutto

Che cos’è un lutto

Oggi proveremo ad argomentare un tema importante, la morte. Che cos’è un lutto? Come si affronta quando si è direttamente colpiti per la scomparsa di un famigliare, un amico, un partner? Come si reagisce nelle differenti età evolutive, da bambino, da adolescente, da adulto o da anziano?

Che cos’è un lutto? Ne parliamo con Play Mind!

Cos’è Play Mind? 

Play Mind è un centro di servizi psicologici e di benessere alla persona. A dirigere questo gruppo di specialisti c’è il Dott. Paolo Di Marco: laureato in Psicologia Clinica di Comunità, Master in Counseling e Coaching, Specializzazione in Psicoterapia Analitica Transazionale, Master in Gestalt Bodywork, psicoterapeuta EMDR Practitioner accreditato. Coordinati dal dottor Di Marco gli psicoterapeuti di Play Mind si pongono come obiettivo quello di “attivare la mente di chi soffre di un disagio psichico o di un malessere esistenziale”. L’obiettivo è quello di offrire alle persone uno stimolo capace di riattivare la propria vita e rimettersi in gioco con modalità nuove, fuori dal proprio copione abituale, per riattivare la propria vita.

Ognuno sperimenta il dolore in modo diverso!

Che cos’è un lutto

La ricerca mostra che la maggior parte delle persone può riprendersi dalla perdita da sola, attraverso il passare del tempo e se ha un supporto sociale e abitudini sane. Non esiste una classificazione del dolore perché ogni età e ogni tipo di rapporto (familiare, amicizia, etc.) portano a sfumature e a sofferenze, differenti. Il lutto si può definire come “Il dolore che diventa pubblico”. Ovvero esternare la nostra esperienza interna di dolore, esprimendola al di fuori di noi stessi. Il lutto quindi è il modo in cui guariamo dal dolore! 

Rimandare, negare, coprire o scappare dal dolore, significa posticipare la cura. 

Perché curi le ferite e non il dolore del lutto?

Immagina di avere una ferita fisica e sanguinante, presumibilmente gli daresti la dovuta attenzione, giusto? Lo stesso deve essere fatto per le ferite emotive, il pianto è un potente veicolo per allentare la morsa del dolore e dovresti sempre concederti un tempo per questo.

Prima permetti a te stesso di stare con il tuo dolore, prima passerà. Ogni volta che le persone interferiscono con il lutto, interferiscono con il recupero naturale del corpo. Se non affrontato subito, il dolore tornerà di nuovo, mesi o addirittura anni dopo, quando meno te lo aspetti.

Che cos’è un lutto in famiglia

La morte di una persona cara è uno dei più grandi dolori che possono verificarsi nella propria vita. Le risposte delle persone al dolore variano a seconda delle circostanze della morte, ma il dolore è una risposta normale e sana alla perdita. I sentimenti di lutto possono anche accompagnare altre perdite, come il declino della propria salute o la salute di un altro vicino o la fine di una relazione importante. Perdere un amico o un partner, non è meno doloroso rispetto alla perdita di un parente, per certi versi potrebbe essere molto più penoso che perdere un familiare. Il fatto che sia diverso non significa che sia meno doloroso, un lutto è personale e ognuno lo elabora in base al suo trascorso.

Dopo una perdita si può provare un’ampia e confusa gamma di emozioni.

Il lutto può sperimentare esplosioni di pianto, disturbi del sonno, cambiamenti di appetito o mancanza di produttività sul lavoro. All’inizio, potrebbe essere difficile accettare che la perdita si sia effettivamente verificata. Possono anche sorgere sentimenti di rabbia . La rabbia può essere diretta verso dottori e infermiere, Dio, altri cari, se stessi o anche la persona che è morta. La persona in lutto può provare sentimenti di colpa , con sentimenti come “avrei dovuto …”, “avrei potuto …” o “vorrei aver avuto …” Le emozioni possono essere molto intense e la persona in lutto può avere sbalzi d’umore.

Il lutto nelle differenti età della vita

Che cos’è un lutto per un bambino, per un adolescente per un adulto o per un anziano? Anche l’età influenza la percezione del lutto, il modo in cui un bambino o un giovane si addolora quando qualcuno che ama è morto, dipenderà da molte cose. Neonati, bambini e adolescenti tendono a piangere più volte al giorno e cercheranno rassicurazione e conforto nelle loro normali routine e attività. I bambini e gli adolescenti colpiti da un lutto avranno bisogno di attenzione, rassicurazione e sostegno continui. Bisogna anche considerare che non è insolito che il dolore riemerga in seguito.

Come si addolora un bambino o un giovane?

Il modo in cui un bambino o un giovane si addolora quando qualcuno che ama è morto dipenderà da molte cose:

  • Età.
  • Genere.
  • Fase di sviluppo.
  • Personalità.
  • Modi in cui di solito reagiscono allo stress e alle emozioni.
  • Rapporto con la persona che è morta.
  • Precedenti esperienze di perdita o morte.
  • Circostanze familiari.
  • Come gli altri intorno a loro stanno soffrendo.
  • Quantità di supporto intorno a loro.

I neonati, i bambini e gli adolescenti possono spesso sembrare indifferenti, mentre giocano o svolgono le loro solite attività, quindi gli adulti possono presumere che non siano consapevoli della morte o di esserne stati colpiti. Lo sono, ma a modo loro. 

La perdita per un adulto o un anziano

Che cos’è un lutto

La perdita di un partner o un coniuge di lunga data può essere particolarmente difficile. Il partner sopravvissuto potrebbe dover affrontare una moltitudine di decisioni riguardanti l’organizzazione del funerale, le finanze e altro, in quello che sembra il momento peggiore possibile per affrontare tali questioni. Il partner in lutto potrebbe anche dover spiegare la morte ai bambini e aiutarli a superare il loro dolore. La morte di un figlio, indipendentemente dalla causa della morte o dall’età del bambino, è un evento emotivamente devastante che può sopraffare un genitore. 

La morte di una madre o di un padre può avere un impatto profondo indipendentemente dall’età di una persona quando si verifica. È naturale sentirsi consumati da una combinazione di dolore, paura e profonda tristezza di fronte a una perdita così significativa. I dettagli di come si è afflitti dipenderanno da una serie di fattori personali, inclusa la propria relazione con il genitore, le credenze religiose, la precedente esperienza con la morte e se si crede o meno che fosse “tempo” per il genitore di morire. La perdita di un genitore può anche significare la perdita di un amico, consigliere e consulente per tutta la vita. Pertanto, la persona in lutto può improvvisamente sentirsi molto sola, anche con il supporto di altri familiari e amici.

Attenzione agli anziani

Il lutto negli anziani è una preoccupazione in più in quanto può portare a malattie psicologiche come la depressione. La maggior parte delle persone è in grado di venire a patti con il proprio dolore senza alcun intervento, ma alcune persone non lo sono. Questo sottolinea l’importanza del riconoscimento precoce della malattia depressiva correlata al lutto negli anziani. 

Come si fa a lavorare su un lutto?

Fortunatamente, gran parte del processo di lutto sano sembra essere incorporato nei nostri geni. Riconoscere e crescere dalle perdite è un processo così naturale che gran parte di esso accadrà senza la nostra direzione, se allentiamo le nostre aspettative su come “dovremmo” soffrire e rinunciamo ad alcune delle nostre necessità di avere il controllo. Tuttavia il lutto è un processo attivo, non è vero che “Hai solo bisogno di dargli il tempo.” Un modo per comprendere il lavoro da svolgere è pensare al lutto come a una serie di compiti che dobbiamo completare (non necessariamente in sequenza):

  • Accettare la finalità della perdita.
  • Riconoscere ed esprimere l’intera gamma di sentimenti che proviamo come risultato della perdita.
  • Adattarsi a una vita in cui la persona, l’oggetto o l’esperienza smarriti è assente.
  • Per dire addio, per ritualizzare il nostro movimento verso una nuova pace con la perdita.

Buoni amici, familiari o un consulente personale possono essere tutti utili per svolgere questo lavoro fondamentale. 

Come possono aiutare gli psicologi

Gli psicologi sono formati per aiutare le persone a gestire meglio la paura, il senso di colpa o l’ansia che possono essere associati alla morte di una persona cara. Se hai bisogno di aiuto per affrontare il tuo dolore o gestire una perdita, consulta uno psicologo o un altro professionista della salute mentale autorizzato. Gli psicologi possono aiutare le persone a costruire la loro capacità di recupero e sviluppare strategie per superare la loro tristezza. 

Gli psicologi praticanti usano una varietà di trattamenti, la più comune è la psicoterapia, la terapia del parlare; per aiutare le persone a migliorare le loro vite. Se siete interessati a conoscere le opzioni a disposizione di Play Mind sul tema: Che cos’è un lutto e come affrontarlo, potete contattarci direttamente! 338.2373206.

Studi:  Viale Serra, 6 Milano (MI)Via cava Madonnina, 5 Nova Milanese (MB).

Telefono
Whatsapp
Email