Che cos’è un lutto
28 Novembre 2020
Aiutare il partner a superare un lutto
Aiutare il partner a superare un lutto
23 Dicembre 2020
Mostra tutto

Elaborazione del lutto improvviso

Un marito che perde improvvisamente la moglie a causa delle complicazioni del COVID-19. Un genitore che riceve la chiamata che suo figlio è morto in un incidente d’auto. Queste situazioni portano a considerare l’elaborazione del lutto improvviso che le ha colpite.

Elaborazione del lutto improvviso, ne parliamo con Play Mind!

Cos’è Play Mind? 

Play Mind è un centro di servizi psicologici e di benessere alla persona. A dirigere questo gruppo di specialisti c’è il Dott. Paolo Di Marco: laureato in Psicologia Clinica di Comunità, Master in Counseling e Coaching, Specializzazione in Psicoterapia Analitica Transazionale, Master in Gestalt Bodywork, psicoterapeuta EMDR Practitioner accreditato. Coordinati dal dottor Di Marco gli psicoterapeuti di Play Mind si pongono come obiettivo quello di “attivare la mente di chi soffre di un disagio psichico o di un malessere esistenziale”.

L’obiettivo è quello di offrire alle persone uno stimolo capace di riattivare la propria vita e rimettersi in gioco con modalità nuove, fuori dal proprio copione abituale, per riattivare la propria vita.

Come si elabora un lutto?

Quando qualcuno muore a causa di un: suicidio, incidente d’auto, overdose, pandemia o altra perdita improvvisa; rappresenta una sfida profonda e immensamente complessa per coloro che rimangono. Sebbene il processo di lutto sia unico per tutti, una perdita improvvisa non consente al lutto di prepararsi adeguatamente per entrare in questo processo.

Il dolore è travolgente e una delle emozioni più dolorose che un essere umano incontrerà mai. Mentre il dolore è lo stesso sia che la morte sia improvvisa o anticipata, una perdita improvvisa è scioccante e disorientante, riducendo la nostra capacità di affrontare e capire cosa è successo.

Chiama ora per una consulenza 338.2373206!

Ti cambia per sempre. La notizia arriva e il tempo si ferma.

Elaborazione del lutto improvviso

Ci sono poche cose nella vita così devastanti come la morte improvvisa di una persona cara. Mentre il tuo mondo scende nel caos e sei inondato di disperazione, ti senti come se fossi intrappolato in un incubo e non puoi svegliarti:

“Come è potuto succedere? Non può essere vero!”

Una morte improvvisa infrange il nostro senso di sicurezza! Preferiamo credere che i nostri cari siano al sicuro dai pericoli. Partiamo dal presupposto che gli incidenti e le malattie li aggirano. Quindi, quando la tragedia colpisce all’improvviso, siamo sotto shock. Tutto il nostro essere vibra con una sola parola: perché?

Una morte improvvisa ti scuote nel profondo. Non puoi allontanarti; non puoi ragionare con questo evento. Sai che la vita non sarà più la stessa.

Elaborazione della morte: le cinque fasi del dolore

C’è una classificazione che prevede cinque fasi del dolore, che fornisce un quadro per l’elaborazione della morte. Sebbene queste fasi non siano universali, né si verifichino di pari passo, possono essere utili per elaborare il dolore.   

  1. Negazione: provi shock e incredulità, spesso accompagnati da intorpidimento, distacco o dissociazione. Puoi concentrarti sui fatti o tenerti occupato, qualsiasi cosa per ritardare l’esperienza del dolore e della disperazione che la perdita della persona amata ti ha causato.
  2. Rabbia: la rabbia emerge in te. Puoi puntare la tua rabbia su medici, amici, coniugi, fratelli, società o anche te stesso. Ma quando la rabbia è fissata sulla colpa, offre poco conforto. Quando la colpa si attenua, il dolore ritorna. La rabbia innesca anche una crisi di fede, rabbia contro un Dio che permetterebbe che accadesse una cosa così orribile. Potresti persino arrabbiarti con il defunto per averti abbandonato.
  3. Contrattazione: nel tentativo di alleviare il dolore della tua perdita, cerchi di contrattare con esso. Puoi fare cambiamenti o promesse improvvise, come “Sarò una persona migliore”. oppure “Onorerò la sua memoria cambiando i miei modi”. Ma queste promesse guidate dal dolore sono difficili da mantenere. La contrattazione aiuta ad ammorbidire la rabbia ed è il primo tentativo di affrontare la perdita.
  4. Depressione: dopo essere passati attraverso la negazione, la rabbia e la contrattazione, la dolorosa realtà della situazione affonda. La depressione ti spinge verso il basso finché non crolli sotto il suo peso. Sembra tutto inutile. La stanchezza ti tormenta. Potresti ricorrere ad abitudini autodistruttive come mangiare troppo, dormire o isolarti. Tali schemi esistevano nella tua vita prima della perdita e spesso aumentano durante la fase di depressione.
  5. Accettazione.Inizi ad accettare la tua nuova realtà. Riconosci che, sebbene tutto sia cambiato, devi continuare a vivere. Inizi a trovare momenti di pace interiore. Forse ti consoli nei ricordi, piuttosto che sentirti depresso o ferito da essi. Puoi sognare la persona amata o parlare con lui o lei nella tua mente. Inizi a cercare nuove relazioni.

Elaborazione del lutto improvviso, la strada per il recupero

Le fasi del dolore possono durare mesi o anni. Ognuno li attraversa in modo diverso. Per aiutarti a recuperare, considera i seguenti suggerimenti:

  1. Cercare sostegno: una comunità di amici e familiari può essere di grande conforto dopo una perdita. Accetta tutto il sollievo che possono offrire e non aver paura di chiedere di più. Se famiglia e amici non sono sufficienti, chiedere l’intervento a uno psicoterapeuta può essere la strada giusta.
  2. Attenzione all’isolamento: l’isolamento dopo una perdita è comune, ma troppo genera depressione. Non perdere il contatto con gli altri, iscriviti a un gruppo per il lutto o trova una comunità religiosa o una pratica meditativa che ti offra pace.
  3. Mantenere la cura di sé: mantenersi attivi, esplorare nuove abitudini come l’esercizio fisico, l’inserimento nel diario o lo yoga. Trova un modo per uscire dal tuo dolore essendo più creativo, come seguire un corso, assistere a concerti stimolanti o visitare gallerie.
  4. Trova il significato: c’è un bellissimo nuovo libro scritto da David Kessler, “Trovare il significato: la sesta fase del dolore”. In esso, parla di come la perdita del figlio di 21 anni a causa di un’overdose abbia lasciato il posto a un profondo dolore che non ha mai conosciuto. Libri come questo possono essere di grande conforto per aiutarti a capire che non sei solo. Ti offrono anche alcuni strumenti per aiutarti a recuperare.
  5. Ricomincia da capo: a un certo punto, avrai una scelta da fare: lasci che il dolore restringa la tua vita e ti tenga in ostaggio o cerchi di andare avanti? Dare un senso alla morte del proprio figlio, travolto in un incidente stradale, può essere impensabile. Tuttavia chiedetevi se la persona deceduta vorrebbe che passasse il resto della vostra vita a disperarsi oppure a viverla felicemente?

Nessuno si riprende completamente dalla morte improvvisa di una persona cara, ma non si deve mai rinunciare alla battaglia, per andare avanti. Un dolore che viene onorato ed elaborato completamente di frequente, dà vita a un maggiore apprezzamento e impegno per la vita.

Contattaci per una consulenza 338.2373206!

A chi rivolgersi per essere aiutati?

Una consulenza professionale in caso di lutto è consigliabile quando amici, familiari e parenti non sono sufficienti a colmare il vuoto e correggere degli atteggiamenti negativi che pervadono la persona. È stato dimostrato che questo tipo di consulenza riduce il livello di angoscia che le persone in lutto attraversano dopo la morte della persona amata. Può aiutarli a superare le fasi del dolore. La consulenza in caso di lutto può anche aiutarli ad adattarsi alle loro nuove vite senza il defunto. 

Gli psicologi sono formati per aiutare le persone a gestire meglio la paura, il senso di colpa o l’ansia che possono essere associati alla morte di una persona cara. Se hai bisogno di aiuto per affrontare il tuo dolore o gestire una perdita, consulta uno psicologo o un altro professionista della salute mentale autorizzato. Gli psicologi possono aiutare le persone a costruire la loro capacità di recupero e sviluppare strategie per superare la loro tristezza. 

Conclusioni

Gli psicologi praticanti usano una varietà di trattamenti, la più comune è la psicoterapia, la terapia del parlare; per aiutare le persone a migliorare le loro vite. Se siete interessati a conoscere le opzioni a disposizione di Play Mind sul tema: elaborazione del lutto improvviso, potete contattarci direttamente! 338.2373206.

Studi:  Viale Serra, 6 Milano (MI) Via cava Madonnina, 5 Nova Milanese (MB).

Telefono
Whatsapp
Email