Paura e fobia
Come vincere la paura
10 Ottobre 2020
Trichotillomania
Tricotillomania
24 Ottobre 2020
Mostra tutto

Nomofobia

Nomofobia cos'è

Cos’è la Nomofobia? Che cosa comporta per chi ne soffre? A queste e a molte altre curiosità sull’argomento cercheremo di dare risposta in questo articolo, coadiuvati dal team di Play Mind!

Nomofobia ne parliamo con Play Mind!

Cos’è Play Mind? È un centro di servizi psicologici e di benessere alla persona, diretto dal Dott. Paolo Di Marco: laureato in Psicologia Clinica di Comunità, Master in Counseling e Coaching, Specializzazione in Psicoterapia Analitica Transazionale, Master in Gestalt Bodywork, psicoterapeuta EMDR Practitioner accreditato. Coordinati dal dottor Di Marco gli psicoterapeuti di Play Mind si pongono come obiettivo quello di “attivare la mente di chi soffre di un disagio psichico o di un malessere esistenziale”. L’obiettivo è quello di offrire alle persone uno stimolo capace di riattivare la propria vita e rimettersi in gioco con modalità nuove, fuori dal proprio copione abituale, per riattivare la propria vita.

Che cos’è la No Mo Fobia?

Nomofobia

L’abbiamo voluta sillabare perché questo termine è l’acronimo di NO MObile PHone PhoBIA, in inglese Nomophobia, viene utilizzato per descrivere una condizione psicologica che si verifica quando le persone hanno paura di staccarsi dalla connettività del telefono cellulare. Per la precisione si tratta di ansia di non avere accesso a un telefono cellulare o ai servizi di telefonia mobile. Questa paura può essere così potente che molte persone arrivano a non spegnere mai i loro telefoni, nemmeno di notte o durante i periodi in cui non useranno i loro dispositivi.

Una storia recente

Il 6 Marzo 1983 ha fatto la sua comparsa in Italia il primo telefono cellulare, da allora l’evoluzione tecnologica ci ha portato tra le mani strumenti tecnologici le cui funzioni vanno ben oltre la semplice chiamata. Oggi i moderni smartphone sono integrati a 360 gradi nella nostra routine, tanto da diventare indispensabili come le chiavi di casa, i documenti o le chiavi della macchina, non puoi uscire senza! I telefoni cellulari sono diventati una parte onnipresente della vita moderna.

Integrati nel quotidiano

Non solo servono come modo di comunicare, ma fungono anche da strumento di social network, organizzatore personale, strumento di shopping online, calendario, sveglia e banca mobile. Sebbene siano senza dubbio dispositivi utili, alcuni suggeriscono che l’eccessiva dipendenza dai dispositivi digitali possa essere una forma di dipendenza comportamentale. Ciò include non solo perdere, dimenticare o rompere il telefono, ma anche essere nell’impossibilità di avere la batteria scarica o non avere rete dati e mobile.

Sintomi della Nomophobia

Nomofobia come batterla

Come si capisce di essere in qualche modo affetti da questa fobia? Esistono dei segni rivelatori? Sappiamo che una fobia è un particolare disturbo d’ansia che è caratterizzato da una paura irrazionale di un oggetto o di una situazione. In questo caso, la paura è proprio quella di non avere un telefono o di essere fuori dalla portata del servizio di telefonia cellulare. Alcuni dei sintomi che sono comunemente identificati come correlati a Nomofobia includono:

  • L’impossibilità di spegnere il telefono.
  • Controllare costantemente il telefono per messaggi persi, e-mail o chiamate.
  • Carica della batteria anche quando il telefono è quasi completamente carico.
  • Portare il telefono con sé ovunque vada, bagno compreso.
  • Controllare ripetutamente per assicurarsi di avere il telefono.
  • Paura di non avere Wi-Fi o di connettersi a una rete dati cellulare.
  • Preoccuparsi per le cose negative che accadono e non poter chiedere aiuto.
  • Sottolineare di essere disconnesso dalla propria presenza o identità online.
  • Saltare attività o eventi pianificati per trascorrere del tempo sul dispositivo mobile.

Oltre ai sintomi emotivi e cognitivi, le persone possono anche manifestare sintomi fisici. Le persone possono respirare più velocemente, la loro frequenza cardiaca può aumentare, possono sudare di più e possono tremare o tremare. Possono anche iniziare a sentirsi deboli o vertigini. Nei casi più gravi, questi sintomi di paura possono degenerare in un attacco di panico.

Perché si sviluppa la Nomofobia?

Non esiste un’unica causa ma ci sono una serie di ragioni per cui le persone manifestano i sintomi della Nomophobia, vediamoli insieme:

Utilità per le attività quotidiane

È innegabile che l’utilità dei telefoni cellulari giochi un ruolo chiave, quando si parla della paura di restarne senza. Oggi come detto i cellulari vanno bel al di là della possibilità di comunicare con chiunque in ogni momento. Gli smartphone ci consentono di fare così tanto! Le persone usano i telefoni per rimanere in contatto, per cercare cose alle quali sono interessate, per condurre affari, per rimanere organizzati, per condividere informazioni personali e persino per il gestire denaro. Già da questa descrizione ci si rende conto di come temano di rimanerne senza! Essere senza telefono può lasciare le persone separate e isolate da aspetti importanti della loro vita, inclusi amici, famiglia, lavoro, finanze e informazioni.

Quanto usi il cellulare durante il giorno?

Come usi il cellulare

Uno studio del 2014 pubblicato sul Journal of Behavioral Addictions ha rilevato che gli studenti universitari trascorrono fino a nove ore al giorno sui loro telefoni cellulari. Questo dato è sicuramente indicativo ma soprattutto mette in luce un fatto, gli smartphone possono essere sia liberatori che oppressori. Le persone sono in grado di comunicare, raccogliere informazioni e socializzare, ma allo stesso tempo l’uso del telefono cellulare può portare a una dipendenza che è sia restrittiva che inducente stress.

Familiarità con la tecnologia

Difficilmente vedrete un sessantenne andare in panico perché gli si è scaricata la batteria dello smartphone, molto più probabilmente invece non sareste sorpresi di vedere scene alla Mario Merola da parte di un quindicenne che ha rotto il cellulare o da un trentenne che ha scaricato la batteria. L’età ha la sua rilevanza i giovani in questa coorte di età sono per lo più nativi digitali, nel senso che sono nati e cresciuti nell’era della tecnologia digitale. Poiché avevano una prima esperienza con computer, Internet e telefoni cellulari, questi dispositivi sono spesso parte integrante della vita quotidiana.

La diagnosi

È importante sapere che la Nomofobia non è ufficialmente riconosciuta come disturbo dal Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5). Questo tipo di paura tuttavia si può inquadrare come una fobia situazionale specifica, a seconda dei sintomi e della presentazione. Una fobia specifica è caratterizzata da una paura irragionevole ed eccessiva; insieme a una risposta alla paura esageratamente sproporzionata, rispetto alla minaccia reale. Esiste un questionario che chiede agli intervistati di valutare in che misura sono d’accordo o in disaccordo con affermazioni come:

  • “Mi sentirei a disagio senza un accesso costante alle informazioni tramite il mio smartphone”
  • “L’esaurimento della batteria nel mio smartphone mi spaventerebbe” 
  • “Mi sentirei ansioso perché non potevo rimanere in contatto con la mia famiglia e / o i miei amici”

I problemi non viaggiano mai da soli

Alcune ricerche suggeriscono che le persone con ansia e disturbi di panico potrebbero avere maggiori probabilità di sviluppare Nomophobia. Livelli più elevati di ossessività, suggeriscono che questo disturbo potrebbe avere un alto livello di comorbilità con alcuni disturbi.

Trattamenti possibili per la Nomofobia

Come si tratta la Nomofobia

Se sospettate di avere dei sintomi di Nomophobia o se ritieni che l’uso del tuo telefono cellulare stia causando problemi nella tua vita, può essere utile parlare con un professionista della salute mentale. Mentre non esiste un trattamento specifico, il terapeuta può raccomandare la terapia dell’esposizione, la terapia cognitivo-comportamentale o entrambi per affrontare i sintomi. In alcuni casi, un medico può anche prescrivere alcuni tipi di farmaci per affrontare i sintomi di ansia o depressione che potreste riscontrare.

Desensibilizzazione

La terapia dell’esposizione è una tecnica comportamentale in cui imparerai ad affrontare gradualmente le tue paure. In questo caso specifico, ti abituerai progressivamente ad andare senza telefono. Gli step sono graduali, con passi molto piccoli da compiere come lasciare il telefono in un’altra stanza per un certo periodo di tempo per poi progredire fino a periodi più lunghi senza il telefono. Arrivando a lasciarlo a casa mentre vai al negozio o girarlo mentre sei impegnato a fare qualcos’altro.

Terapia comportamentale cognitiva

La terapia cognitivo comportamentale (CBT) è un processo che prevede di affrontare i modelli di pensiero negativi e irrazionali che contribuiscono a comportamenti disadattivi. Il terapeuta ti aiuterà a imparare a identificare questi modi di pensare e a sostituire questi pensieri con altri più realistici e razionali. Ad esempio, anziché pensare che perderai qualcosa di vitale importanza se non controlli i messaggi sul telefono ogni pochi minuti, CBT ti aiuterà a ricordare che è probabile che non ti manchi nulla finché controlla il tuo telefono di tanto in tanto.

Conclusioni sulla Nomofobia

Se ritieni di avere questa patologia o ritieni che stai trascorrendo troppo tempo sul telefono, ci sono alcune cose che potresti fare per gestire meglio l’utilizzo del dispositivo. 

  • Impostare dei confini. Stabilisci regole per l’uso del dispositivo. Ciò potrebbe significare evitare il dispositivo mobile in determinate ore del giorno, ad esempio durante i pasti o prima di coricarsi.
  • Trovare un equilibrio. Utilizzare il telefono può essere semplicissimo per evitare il contatto diretto con altre persone. Concentrati sul interazione personale con gli altri ogni giorno.
  • Fai delle brevi pause. Può essere difficile rompere l’abitudine del cellulare, ma iniziare in piccolo può facilitare la transizione. Inizia facendo piccole cose come lasciare il telefono in un’altra stanza durante i pasti o quando sei impegnato in un’altra attività.
  • Trova altri modi per occupare il tuo tempo. Se ti accorgi che stai usando il telefono eccessivamente per noia, prova a cercare altre attività per distrarti dal tuo dispositivo. Prova a leggere un libro, fare una passeggiata, praticare uno sport o impegnarti in un hobby che ti piace.

Per tutti gli altri casi dove anche questo semplice elenco risulta improponibile, lo staff di Play Mind si mette a vostra disposizione, con un rapporto terapeutico idoneo, per riuscire a dare una mano, laddove si verifichino situazioni gravi.

Se siete interessati ad approfondire il tema, potete contattarci direttamente! 338.2373206.

Studi:  Viale Serra, 6 Milano (MI) – Via cava Madonnina, 5 Nova Milanese (MB)

Telefono
Whatsapp
Email