Ipersonnia che cos’è e come risolverla
14 Novembre 2020
Che cos’è un lutto
28 Novembre 2020
Mostra tutto

La sindrome ITSO che cos’è e a chi rivolgersi

Un nome sicuramente strano che definisce una malattia altrettanto strana, legata al lavoro. In questo articolo ci occuperemo di scoprire cos’è la sindrome ITSO che cos’è e a chi rivolgersi. Una carrellata completa su una patologia che è classificata come disturbo ossessivo compulsivo, nei confronti del lavoro.

La sindrome ITSO che cos’è e a chi rivolgersi

Cos’è Play Mind? 

Play Mind è un centro di servizi psicologici e di benessere alla persona. A dirigere questo gruppo di specialisti c’è il Dott. Paolo Di Marco: laureato in Psicologia Clinica di Comunità, Master in Counseling e Coaching, Specializzazione in Psicoterapia Analitica Transazionale, Master in Gestalt Bodywork, psicoterapeuta EMDR Practitioner accreditato. Coordinati dal dottor Di Marco gli psicoterapeuti di Play Mind si pongono come obiettivo quello di “attivare la mente di chi soffre di un disagio psichico o di un malessere esistenziale”. L’obiettivo è quello di offrire alle persone uno stimolo capace di riattivare la propria vita e rimettersi in gioco con modalità nuove, fuori dal proprio copione abituale, per riattivare la propria vita.

Che cos’è la sindrome ITSO?

In inglese il termine esteso è “inability to switch off” ovvero l’incapacità di staccare la spina dal lavoro, abbreviato “ITSO”. In altri contesti viene anche definita burn-out o esaurimento professionale. Si tratta di malattie da Stress correlate con il lavoro che negli ultimi anni stanno diventando frequenti in ambiti lavorativi particolarmente stressanti. L’esempio più eclatante di questa patologia ha avuto il suo “testimonial” in Antonio Horta-Osorio, il numero uno del colosso bancario Lloyds. Questo importante manager nel 2011 fu costretto dai medici a staccare la spina e così dall’oggi al domani ha dovuto dichiararsi malato e inabile (temporaneamente) a guidare il Lloyds Banking Group. Non dormiva più, viveva per il lavoro, mai nessuno svago, una birra al pub, un cinema, i figli, la moglie; tutto annullato, c’era solo la banca e basta.

Chi colpisce la sindrome ITSO?

Un recente studio condotto da The Lancet, ha rilevato che chi ha un rendimento elevato è a rischio di condizioni come ansia e depressione a causa della loro incapacità di spegnere Internet e smettere di lavorare al di fuori dell’orario di ufficio, evidenzia la linea sottile tra un uso sano e malsano della tecnologia moderna. Ad uno studio, riportato su The Telegraph, fanno eco ai risultati di uno studio Anxiety UK del 2012 sulle conseguenze sulla salute mentale di un uso eccessivo della tecnologia. 

Lo studio ha rilevato che oltre la metà degli intervistati, che utilizza regolarmente i siti di social networking, ha visto il proprio comportamento cambiare negativamente. Ulteriori indagini hanno rivelato fattori come confrontarsi negativamente con gli altri, passare troppo tempo davanti a un computer, avere problemi a disconnettersi e rilassarsi, nonché diventare conflittuali online, causando così problemi nelle loro relazioni o nel lavoro.

Disturbi invalidanti

Lo studio ha anche rilevato che il 45% delle persone che non sono in grado di accedere ai propri social network o alla posta elettronica si sentono preoccupati oa disagio di conseguenza. E forse la cosa più sorprendente, il 60% degli intervistati ha affermato di aver sentito il bisogno di spegnere il proprio cellulare / computer / smartphone per fare una pausa, con uno su tre che ha affermato di avere spento i dispositivi più volte al giorno.

” L’unico modo per garantire una pausa dalle esigenze della vita è spegnere il telefono o il computer, poiché questi soggetti, non sono semplicemente in grado di ignorarli “

La sindrome ITSO che cos’è e a chi rivolgersi?

La sindrome ITSO che cos'è e a chi rivolgersi

Ora che conosciamo in parte il problema, la domanda successiva è, chi tratta questo disturbo ossessivo compulsivo? Come detto l’ITSO o burnout è uno stato di esaurimento emotivo, fisico e mentale causato da uno stress eccessivo e prolungato. Si verifica quando ci si sente sopraffatti, emotivamente svuotati e incapaci di soddisfare le richieste costanti. Ma soprattutto quando ci si rende conto di lavorare h24, senza mai staccare dal lavoro! 

Il burnout riduce la produttività e consuma le tue energie, lasciandoti sempre più impotente, senza speranza, cinico e risentito. Gli effetti negativi si riversano in ogni area della vita, compresa la casa, il lavoro e la vita sociale. Questa condizione può anche causare cambiamenti a lungo termine al corpo, rendendolo vulnerabili a malattie come: raffreddore e influenza. A causa delle sue numerose conseguenze, è importante affrontare subito il burnout. 

I segni e i sintomi dell’ITSO

Il burnout è un processo graduale, non succede dall’oggi al domani. All’inizio i segni e i sintomi sono impercettibili, ma con il passare del tempo peggiorano. Le avvisaglie quindi sono molto importanti, ignorarli è una pessima idea! 

Se il soggetto non riesce a staccare, ha spegnere il PC o il cellulare, prendendo una pausa dal lavoro e questo prosegue ininterrottamente h24; siamo in presenza di un problema serio. Questo comportamento si riflette anche sul sistema immunitario, con malattie frequenti. Non solo si possono verificare mal di testa frequenti, cambiamento dell’appetito o delle abitudini del sonno, etc.

Le cause 

Spesso sono implicite nel lavoro che si svolge. Possiamo concepire che si tratti di una dedizione al lavoro, che va oltre e si trasforma in una forma di dipendenza che implica l’incapacità di regolare i propri ritmi di lavoro e la continua ricerca di compiti da portare a termine nel minor tempo possibile. Il problema è che le persone coinvolte non percepiscono i limiti mentre chi vive a stretto contatto con loro, i familiari, ne fanno direttamente le spese per i disagi derivanti dalla sua auto-esclusione sociale.

A chi rivolgersi per trattare la sindrome ITSO?

Dobbiamo premettere che questa sindrome non è ancora stata catalogata come disordine mentale nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali o DSM. Sia che tu riconosca i segni premonitori di un ITSO imminente o che tu abbia già superato il punto di rottura, cercare di affrontare da solo la situazione, causerà solo ulteriori danni emotivi e fisici. Ora più che mai è il momento di fermarsi e cambiare direzione imparando come puoi aiutare te stesso a superare la situazione e sentirti di nuovo sano e positivo.

Un suggerimento, affrontare il burnout richiede l’approccio “Tre R”:

  • Riconoscere. Presta attenzione ai segnali di pericolo del burnout.
  • Inversione. Annulla il danno cercando supporto e gestendo lo stress .
  • Resilienza. Costruisci la tua resilienza allo stress prendendosi cura della tua salute fisica ed emotiva.

I seguenti suggerimenti per prevenire o affrontare “inability to switch off” possono aiutarti ad affrontare i sintomi e ritrovare energia, concentrazione e senso di benessere.

Conclusioni

Se siete interessati ad approfondire il tema: la sindrome ITSO che cos’è e a chi rivolgersi, potete contattarci direttamente! 338.2373206.

Studi:  Viale Serra, 6 Milano (MI)Via cava Madonnina, 5 Nova Milanese (MB).

Telefono
Whatsapp
Email