Fobia sociale come uscirne
18 Settembre 2020
Paura e fobia
Come vincere la paura
10 Ottobre 2020
Mostra tutto

Aiutare un bambino a superare un lutto

Non puoi proteggere i tuoi figli dal dolore della perdita, ma li puoi aiutare a sviluppare delle abilità che li possono aiutare a superare questo trauma e periodo di distacco. In questo articolo introdurremo l’argomento su come aiutare un bambino a superare un lutto.

Aiutare un bambino a superare un lutto, ne parliamo con Play Mind

Cos’è Play Mind? È un centro di servizi psicologici e di benessere alla persona, diretto dal Dott. Paolo Di Marco: laureato in Psicologia Clinica di Comunità, Master in Counseling e Coaching, Specializzazione in Psicoterapia Analitica Transazionale, Master in Gestalt Bodywork, psicoterapeuta EMDR Practitioner accreditato. Coordinati dal dottor Di Marco gli psicoterapeuti di Play Mind si pongono come obiettivo quello di “attivare la mente di chi soffre di un disagio psichico o di un malessere esistenziale”. L’obiettivo è quello di offrire alle persone uno stimolo capace di riattivare la propria vita e rimettersi in gioco con modalità nuove, fuori dal proprio copione abituale, per riattivare la propria vita.

Il lutto e i bambini, un’opportunità di crescita!

La maggior parte dei bambini piccoli è consapevole della morte, anche se non la comprende. La morte è un tema comune nei cartoni animati e in televisione e alcuni amici di tuo figlio potrebbero aver già perso una persona cara. Sperimentare il dolore in prima persona è un processo diverso e spesso confuso per i bambini. Come genitore, non puoi proteggere un bambino dal dolore della perdita, ma puoi aiutarlo a sentirsi al sicuro. Questo avviene consentendo e incoraggiandolo ad esprimere i sentimenti, aiutandolo a sviluppare atteggiamenti positivi, che gli serviranno anche in futuro.

Tutti i bambini reagiscono in modo diverso!

Aiutare un bambino a superare un lutto

Dopo aver perso una persona cara, la reazione di un bambino può essere particolare, possono passare dal pianto che dura un minuto e successivamente passare a una fase di gioco. I suoi umori mutevoli non significano che non sia triste o che abbia finito di soffrire; i bambini affrontano la perdita in modo diverso rispetto agli adulti e il gioco può essere un meccanismo di difesa per evitare che un bambino venga sopraffatto. È anche normale sentirsi depressi, colpevoli, ansiosi o arrabbiati con la persona che è morta o con qualcun altro. I bambini molto piccoli possono mostrare segni di regressione, ad esempio bagnando il letto o tornando a fare discorsi infantili, esprimendosi con una loro terminologia.

Bisogna incoraggiare i bambini ad esprimere i sentimenti!

È positivo che i bambini esprimano qualunque emozione provino. Ci sono molti buoni libri per bambini sulla morte e, leggere questi libri insieme, può essere un ottimo modo per iniziare una conversazione con vostro figlio. Poiché molti bambini non sono in grado di esprimere le proprie emozioni attraverso le parole, i disegni, la costruzione di un album, la visualizzazione di album fotografico o raccontare storie; sono delle valide alternative.

Essere appropriati dal punto di vista dello sviluppo!

È difficile sapere come un bambino reagirà alla morte o anche se riuscirà a capire il concetto. Non è il caso di fornire volontariamente troppe informazioni, potrebbero sovraccaricarlo. Piuttosto è molto più importante rispondere alle sue domande. I bambini molto piccoli spesso non si rendono conto che la morte è permanente e possono pensare che una persona cara morta tornerà se loro faranno le loro faccende e mangeranno le verdure. I bambini capiscono che la morte è cattiva e non amano la separazione, ma il concetto di “per sempre” non è presente. I bambini più grandi in età scolare comprendono la permanenza della morte, ma possono avere ancora molte domande. 

Fai del tuo meglio per rispondere onestamente e chiaramente. Va bene se non puoi rispondere a tutto; essere disponibili per tuo figlio è ciò che più conta.

Aiutare un bambino a superare un lutto, bisogna essere diretti!

Quando parli della morte, non usare mai un eufemismo. I bambini sono estremamente letterali e sentire che una persona cara “è andata a dormire” può essere spaventoso. Oltre a far temere a tuo figlio di andare a dormire, l’eufemismo interferisce con la sua opportunità di sviluppare atteggiamenti costruttivi, di cui avrà bisogno in futuro.

Partecipare al funerale!?

Partecipare o meno al funerale è una decisione personale che dipende interamente da te e dal bambino. I funerali possono essere utili per fornire la chiusura del funesto evento, ma alcuni bambini semplicemente, non sono pronti per un’esperienza così intensa. Non forzare mai un bambino a partecipare a un funerale. Se tuo figlio vuole andare, assicurati di prepararlo per quello che vedrà. Spiega che i funerali sono occasioni molto tristi e alcune persone probabilmente piangeranno. Tieni presente che anche il bambino meglio preparato potrebbe arrabbiarsi e il suo comportamento può essere imprevedibile. I bambini si potrebbero comportare in un modo che non ti aspetti, se decidi che un funerale non è il modo migliore, ci sono altri modi per dire addio. Ad esempio, piantare un albero, condividere storie o rilasciare palloncini può essere una valida alternativa per chiudere il lutto con un bambino.

Discutere di una vita dopo la morte?!

L’idea di una vita dopo la morte può essere molto utile per un bambino in lutto, tuttavia questo dipende dalle differenti credenze religiose sull’aldilà, se sono presenti nella vostra famiglia è il momento giusto per parlarne. Ma anche se non sei religioso, puoi comunque confortare tuo figlio con l’idea che una persona continua a vivere nei cuori e nelle menti degli altri. Puoi anche creare un album o piantare una pianta che rappresenti la persona che hai perso.

Non ignorare il tuo dolore!

I bambini spesso imiteranno il comportamento doloroso dei loro genitori. È importante mostrare le tue emozioni poiché rassicurano i bambini che, sentirsi tristi o turbati va bene. Tuttavia, reagire in modo esplosivo o incontrollabile insegna a tuo figlio modi malsani di affrontare il dolore.

Attenersi alle routine!

I bambini trovano grande conforto nelle routine, quindi se hai bisogno di un po’ di tempo da solo, cerca di trovare parenti o amici che possano aiutare a mantenere la vita del tuo bambino il più normale possibile, sebbene sia importante soffrire per la morte di una persona cara, è anche importante che il bambino capisca che la vita continua.

Alcune situazioni specifiche

Per molti bambini la morte di un animale domestico sarà la prima esposizione alla morte. I legami che i bambini costruiscono con i loro animali domestici sono molto forti e la morte di un animale domestico di famiglia può essere profondamente sconvolgente. Non sminuite la sua importanza e non sostituite immediatamente l’animale morto con un nuovo animale. Date a vostro figlio il tempo per metabolizzare la perdita per il suo cane o gatto. Questa è un’opportunità per insegnare ai vostri figli cosa comporta la morte e come affrontare il lutto, in modo sano ed emotivamente favorevole.

La morte di un nonno

È un’esperienza comune per i bambini piccoli e può far sorgere molte domande, come ad esempio: “Mia madre sarà la prossima?” È importante dire a tuo figlio che probabilmente vivrai per molto tempo. Dopo la morte di un genitore, i bambini si preoccuperanno naturalmente della morte del genitore rimasto o di altri custodi. Rassicura un bambino che è amato e che sarà sempre curato. È una buona idea fare affidamento sui membri della famiglia durante questo periodo per fornire ulteriore assistenza e cure. Quando si tratta di membri della famiglia (genitori o fratelli, figli), può essere raccomandabile qualche seduta di psicoterapia.  La terapia fornisce un altro sbocco per parlare, specie per bambino che può sentirsi “bloccato”, come se non potesse parlare con altri membri della famiglia, perché anche loro sono in lutto.

Trattare gravi problemi

Se noti che tuo figlio sembra insolitamente turbato e incapace di far fronte al dolore e alla sua perdita, potrebbe avere qualcosa chiamato disturbo dell’adattamento. Il disturbo dell’adattamento è una condizione grave e angosciante che alcuni bambini sviluppano dopo aver vissuto un evento doloroso o distruttivo. È una buona idea consultare il medico di tuo figlio se ritieni che il bambino non si stia riprendendo normalmente da una perdita.

Conclusioni

Il nostro tema d’approfondimento di oggi era come aiutare un bambino a superare un lutto! Speriamo di essere riusciti a darvi un quadro abbastanza completo di come approcciare il lutto ai bambini. Uno psicologo, con un rapporto terapeutico idoneo, può dare una mano laddove si verifichino situazioni gravi.

Se siete interessati ad approfondire il tema, potete contattarci direttamente! 338.2373206.

Studi:  Viale Serra, 6 Milano (MI)Via cava Madonnina, 5 Nova Milanese (MB)

Telefono
Whatsapp
Email